Reality, Mediality, Virtuality - ualuba.org
La mostra curata da Davide Anni e intitolata Reality, Mediality, Virtuality intende presentare al pubblico il lavoro di Ennio Bertrand, attraverso un percorso storico e antologico. Attivo dalla prima metà degli anni Ottanta l’artista piemontese esplora, attraverso una lucida conoscenza tecnica e un altrettanto esplicito interesse per la dimensione interattiva, le infinite possibilità linguistiche della New Media
media art, contemporary art, variable media artworks, time based artworks
18557
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-18557,collateral-product-columns-4,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,columns-4,qode-theme-ver-9.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Reality, Mediality, Virtuality

Artisti - Artists

Ennio Bertrand

Curatore - Curator

Davide Anni

Contributi - Contributors

Piero Gilardi, Davide Anni, Anna Guzzi, Michele Zanotti

Dove

ualuba.org Art Educational Center via Tosio 1G Brescia

Date

aprile 13, 2017

Category
archive
About This Project

Un percorso espositivo fra reale, mediale e virtuale

Reality Mediality Virtuality, è un percorso espositivo che presenta al pubblico il lavoro di Ennio Bertrand.

Attivo dalla prima metà degli anni Ottanta l’artista piemontese esplora, attraverso una lucida conoscenza tecnica e un altrettanto esplicito interesse per la dimensione interattiva, le infinite possibilità linguistiche della New Media Art.

Nell’universo di Bertrand, variabilità informatica e dimensione temporale sono caratteristiche imprescindibili delle opere, composte prevalentemente da hardware e software, dove reale, mediale e virtuale si fondono come una blockchain.

L’arte di Bertrand pone domande interessanti in termini di collezionismo ed esposizione, oltre che di preservazione e accessibilità nel tempo.

Dal vasto repertorio che spazia dalle installazioni multimediali alla Net Art, sono state scelte 7 opere create nell’ultimo ventennio, collegate da una marcata manipolazione dei media.